Don Backy “L’ Amore” / “Una Ragazza Facile” 1965


 

DON BACKY  “L’AMORE” / “UNA RAGAZZA FACILE” 1965

Copia del 45 giri autografata da Don Backy.

L’ Amore” / “Una Ragazza Facile” (Clan Celentano, serie ACC 24030) pubblicato nel 1965 è il decimo quarantacinque giri della discografia di Aldo Caponi, il settimo pubblicato con il Clan Celentano e con il nome di Don Backy, dopo averne auto prodotti in precedenza altri tre.  Due di questi furono pubblicati nel 1960 con due nomi e due case discografiche differenti: il primo, a nome di “Agatone e i Pirati”,  fu  “Volo Lontano” / “Solo Con Te” (Manhattan – IT-9504) mentre il secondo, “Bill Haley Rock” / “Non Arrossire”,  uscì a nome di “Agatone e i Kiss”   su 45 giri Rainbow Record – 258/45 259/45. Sempre per la casa discografica Torinese Rainbow Record nel 1961, con il nome di  Kleiner Agaton, fu pubblicato  “Mi Manchi Tu” / “La Storia di Frankie Ballan” (Rainbow Record – 400/45 401/45). La canzone incisa sul “lato B” di quest’ultimo singolo attirò l’attenzione di Detto Mariano, collaboratore stretto di Alberto Celentano, fratello di Adriano, e soprattutto di Milena Cantù, all’epoca la fidanzata del Molleggiato, che proprio in quel periodo stava cercando giovani talenti da mettere sotto contratto nel  suo neonato Clan Celentano (costituito a Milano il 19 dicembre 1961).

LATO A “L’AMORE”

Canzone lanciata da Don Backy nello special televisivo “Adriano Clan N. 2”, trasmissione firmata da Castellano e Pipolo e diretta da Gianfranco Bettetini dedicata al Clan Celentano ed ai suoi artisti andato in onda sul Canale Nazionale il 2 ottobre 1965.

Canzone firmata Don Backy e Detto Mariano,  rappresenta probabilmente la canzone di svolta per la carriera di Don Backy. Dopo i buoni successi dell’anno precedente (1964)  con “Io Che Giro Il Mondo” (cover di  “I Think I’m Gonna Like It Here” incisa da Elvis Presley per la colonna sonora del film “Fun In Acapulco” del 1963) classificatasi al 62° posto nella Hit Parade annuale (massima posizione raggiunta nella Hit Parade settimanale del 1964: 18°) ed il 72° posto della Hit Parade annuale dello stesso 1965 con “Cara” (pubblicata nel tardo 1964, massima posizione nella Hit Parade settimanale: 23°) con “L’Amore” arriva il 36°posto nella classifica dei dischi più venduti del 1965 (raggiungendo la posizione n° 9 della Top Ten settimanale italiana per una settimana, quella del 20 novembre 1965, per poi tornarci, al numero 10, per quattro settimane consecutive, a cavallo tra il 1964 ed il 1965, dalla settimana del 18 dicembre 1965 alla settimana dell’ 8 gennaio 1966). Non si raggiunge il successo di vendite ottenuto da “Amico” (versione italiana  di “Keep Away From Other Girls” di Burt Bacharach), il fortunato  brano che nell’ autunno del 1963 aveva definitivamente consacrato il cantante di Santa Croce sull’ Arno (Pisa) sul mercato discografico del Bel Paese (18° disco più venduto dell’ anno, numero tre nella Top Ten Settimanale del 2 novembre 1963) ma con “L’ Amore”  lo stile compositivo di Don Backy inizia a delinearsi, probabilmente primo esempio del suo essere “Cantainventore”, come lo stesso Don Backy ama definirsi.

Ecco la canzone del Lato A del vinile:

LATO B “UNA RAGAZZA FACILE”

Cover della celebre “Memphis Tennessee” composta da  Chuck Berry ed incisa dallo stesso artista di St. Louis  per la casa discografica Chess Record fondata a Chicago dai fratelli  Leonard e Phil Chess nel 1950. La canzone fu pubblicata su singolo “Back In The U.S.A.” / “Memphis Tennessee”  (Chess 1729) nel 1959. Cinque anni dopo, nel 1964, Chuck Berry scrisse un seguito di “Memphis Tennessee” intitolato “Little Marie”, pubblicata su singolo “Little Marie” / “Go, Bobby Soxter” (Chess 1912) e, nel novembre dello stesso anno, nell’album “St. Louis To Liverpool”  (Chess LP/S-1488).

Don Backy incide questa cover accompagnato dai suoi Fuggiaschi, probabilmente influenzato nella scelta del brano dal successo ottenuto l’ anno precedente dalla cover registrata da Johnny Rivers (pubblicata in U.S.A. su 45 giri Imperial 66032 “Memphis Tennessee” / “It Wouldn’t Happen With Me“, raggiunse la posizione n.° 2 della Billboard Pop Chart) e dalla versione registrata da Elvis Presley  contenuta nell’ album pubblicato il 10 agosto 1965 Elvis For Everyone” (RCA LPM/LSP 3450). Il secondo momento di gloria della canzone scritta da Chuck Berry viene ulteriormente confermato dalla conquista  del titolo di Disco Giallo in una puntata di fine 1965 della trasmissione radiofonica Bandiera Gialla, condotta da Renzo Arbore e Gianni Boncompagni, della versione di “Memphis Tenneessee” interpretata da Tom Jones nel suo Lp di esordio “Along Came Jones” uscito nello stesso anno in U.S.A. e che in Italia riscosse notevole successo di vendite su singolo “Memphis Tennessee” / “To Make A Big Man Cry” (DECCA F 22269) (83° disco più venduto del  1966).

Il testo italiano della canzone è di Giulio Rapetti (Mogol): un testo sicuramente inusuale per il celebre paroliere milanese che viene ricordato sicuramente per ben altri testi …  La canzone fu colpita dalla mannaia della censura a causa del titolo un po’ ambiguo per l’epoca per cui Don Backy, nelle esecuzioni dal vivo e nei passaggi televisivi avrebbe dovuto sostituire la registrazione originale con una “meno ambigua” “Una Ragazza Semplice”: oltre al cambio di titolo, ed ad alcune variazioni nel testo, nella seconda versione registrata  da Don Backy (immortalata  in un “videoclip” che ritrae Don Backy ed i suoi Fuggiaschi impegnati in un vistoso playback mandato in onda nel 1966 in occasione di una trasmissione televisiva condotta da Enzo Tortora e dedicata al Premio Salice Terme consegnato a Vittorio Gassman come comico dell’anno e non nel 1967 in una puntata della Trasmissione di Varietà  “Sabato Sera” sul Canale Nazionale, come indicato su un video pubblicato su internet) non si odono più gli incitamenti tra i membri de I Fuggiaschi a suonare ed a cantare il brano. Questa seconda versione non fu mai pubblicata su vinile e venne utilizzata esclusivamente per i passaggi televisivi.

I Fuggiaschi, lo storico complesso mantovano che accompagna Don Backy nelle esibizioni dal vivo e nelle sedute di registrazione è composto da cinque musicisti. Ne “La Ragazza Facile” gli strumenti suonati sono: Guido (Mario) Pavesi alla chitarra solista, Claudio Paterlini alle tastiere, Carlo Alberto Paterlini alla seconda voce ed alla chitarra ritmica, Maurizio Bellini al basso e Rinaldo Schilingi alla batteria.

La Ragazza Facile” oltre ad  essere stata pubblicata come Lato B del 45 giri “L’ Amore” di Don Backy compare anche come ultima canzone del Lato B del suo Lp di esordio “L’ Amore di Don Backy” pubblicato nel  1965 (CLAN CELENTANO ACC S LP 40005). Ne esiste anche una versione incisa dai napoletani  Big Ben’s  e pubblicata su 45 giri “Una Ragazza Facile” / “Tu Non Sai Niente Dell’Amore” (Ariston Records; Ar 0108). Questo gruppo beat annoverava tra i suoi componenti anche un giovane Alberto Radius (futuro Formula Tre) alle chitarre e Claudio Mattone (futuro paroliere, compositore ed editore) al pianoforte.

Ecco la canzone del Lato B del singolo:

 

BIBLIOGRAFIA:

“Questa E’ La Storia … Memorie Di Un Juke Box”, Don Backy, 2007, Roma, Cuniglio Editore;

Intervista a Guido Mario Pavesi (chitarrista dei Fuggiaschi);

www.hitparadeitalia.it;

http://it.wikipedia.org/wiki/Don_Backy ;

www.donbacky.it .